Marchi sonori UE: non è registrabile l'audio di apertura della lattina e il gorgoglìo della bevanda



Secondo il Tribunale UE (sentenza T-668/19), si tratta di un elemento che non permette la percezione da parte del consumatore come marchio del prodotto.

Una società tedesca aveva presentato domanda di registrazione di un marchio in formato audio all'Ufficio dell'Unione Europea per la proprietà intellettuale che, però, aveva negato la registrazione in ragione dell'assenza di distintività del file audio (che riproduceva il suono dell'apertura di una lattina seguito dal gorgoglio della bevanda).


Il Tribunale UE ha confermato la decisione dell'Ufficio, ritenendo che un elemento della merce è "distintivo" quando da solo, e non in abbinata con altri segni o marchi, è percepibile dal consumatore come marchio del prodotto. Il Tribunale rileva che gli elementi sonori e il silenzio di circa un secondo, considerati nel loro insieme, non posseggono alcuna caratteristica intrinseca che consenta loro di essere percepiti dal pubblico come un'indicazione dell'origine commerciale dei prodotti.


Gli elementi sonori descritti, infatti, non potrebbero distinguersi da suoni comparabili nel settore delle bevande.

13 visualizzazioni0 commenti